SANTA INNOCENZA

 

CARTOLINA COMMISSIONATA DELLA PRO LOCO DI CORIANO 20.01.2006
SULLO SFONDO LA CHIESA PARROCCHIALE
DI MONTE TAURO E L'ANTICO BORGO DI CORIANO
(Lavoro artistico di Davide Gasperi)

 

SANTA INNOCENZA
L'OFFERTA DELLA VITA

IL MITO - “…Chè difesa miglior ch’usbergo e scudo E’ la santa innocenza al petto ignude…” con questi versi tratti dalla Gerusalemme Liberata, Torquato Tasso alludeva al supremo martirio con l’offerta del petto. Forse conosceva il martirio di Santa Innocenza o forse si riferiva all’innocenza quale mancanza di peccato, comunque, i versi ben si addicono alla nostra eroina, o almeno, così ci piace credere.

 
CHIESA PARROCCHIALE DI SANTA INNOCENZA 
DI MONTE TAURO DI CORIANO


Tra i vari santi della nostra diocesi è forse la meno conosciuta, ma nel corianese Santa Innocenza, vergine e martire, è assai venerata e supplicata, in particolar modo, nella attiva parrocchia di Monte Tauro di Coriano, a Lei intitolata, con festa  il 16 settembre.


LA CHIESA DI RIMINI - Alcuni  documenti ritrovati nel XI e del XII descrivono della presenza in Rimini, di una importante e massiccia chiesa dedicata a santa Innocenza, forse costruita nel IV secolo sul luogo natale della santa, per opera del Vescovo san Gaudenzo e dell’esistenza di una Pieve intitolata a santa Innocenza sul Monte Tauro, luogo ove la famiglia possedeva degli appezzamenti agricoli, questultima, come da testimonianze scritte, risultava già edificata prima all’anno  1000.
Sicuramente la Santa fu sepolta nella sua chiesa urbana di Rimini, come risulta dagli “Statuti Locali” del secolo XIV, sebbene in altri scritti viene indicato quale luogo di sepoltura la Cattedrale. Negli Statuti, viene anche riportato il giorno della sua festa: il 16 settembre, vengono inoltre indicati i riti sacri da celebrare in suo onore e la realizzazione di  uno importante pallio.

Secondo alcuni documenti conservati alla Biblioteca Gambalunga di Rimini, si apprende che la chiesa riminese della Santa Martire, subì diverse travagliate vicende, dovute all’andamento della storia, che la portarono alla chiusura. Nel 1745 l’edificio fu riaperto al culto e nel 1745 durante la dominazione francese, venne nuovamente chiuso, con grande rimpianto di popolo, come riportato da diversi scritti popolari.

Solo nel 1809 la chiesa venne riaperta solennemente, divenendo anche parrocchia prima e chiesa del seminario dopo. Ma le sorti della bella chiesa di Santa Innocenza furono ben diverse, infatti, nel 1919 la chiesa venne abbattuta per allargare alcune strade cittadine.

LA CHIESA CORIANESE - Le notizie sulla chiesa corianese, tralaltro ancora esistente e ben organizzata sia come parrocchia, sia come centro di accoglienza, sono documentate solo in parte, in particolare esistono documenti che riguardano il periodo che va dal 1000 ai nostri giorni.
La frazione di Monte Tauro, deve la notorietà sicuramente alla sua pieve, trasformata in Vicariato nel 1780, con giuristizione su un ampio territorio, variabile di grandezza a seconda delle circostanze storiche e religiose.


STATUA BRONZEA DI SANTA INNOCENZA
MONTE TAURO DI CORIANO


Ora si ritiene che l'antica pieve di santa Innocenza, già citata con la pieve di Rimini, non sorgesse sull'attuale luogo, ma appena sotto il colle, precisamente nei pressi della vicina località denominata Pian della Pieve. Alcuni antichi basamenti ritrovati recentemente, fanno supporre valida questa opinione, seppur non esistono documenti attestanti questa locazione.
Quello che è certo, è che l'attuale chiesa, trova la sua origine nel 1789, come testimoniano alcune visite pastorali che informano sulla distruzione, causata da un terremoto e della sua ricostruzione.
L'attuale chiesa ha tre altari, i due laterali erano in origine dedicati a santa Monica ed a san Crisostomo, mentre quello maggiore era dedicato alla giovane martire. Ora i due altari laterali sono dedicati a Sant'Agostino ed alla Beata Vergine della Consolazione, detta anche della Cintola, mentre quello maggiore, continua ad essere dedicato alla nostra santa.
La chiesa, di bella di fattura, con mattoncini esterni a vista, possiede un basso ma massiccio campanile. Il suo interno è arricchito di pregevoli opere pittoriche di scuola riminesi, quali: il Bilancioni ed il Tononi.
Sotto l'altare centrale sono posti i reliquari contenenti i poveri resti mortali di santa Innocenza. Amorevolmente custoditi dalle suore e dalla comunità ivi esistente.

LA VITA - Di questa martire poco sappiamo sulla sua vita, alquanto incerta ed in molti casi ricostruita con deduzione. La tradizione popolare, ci racconta di Innocenza nata in una famiglia nobile e ricca, a Coriano nella zona ora chiamata di Monte Tauro. Sul suo tormentato martirio, sappiamo invece qualcosa di più, si narra che  l’imperatore Diocleziano, durante una sua spedizione contro gli Ungari, passando per Rimini, udì narrare di questa nobile, bella e ricca fanciulla, che veniva descritta come una fiera e fervente cristiana, forse nata intorno l’anno 285. Incuriosito, mandò i suoi pretoriani a prelevarla dal suo castello a Monte Tauro, dove ella era una rispettata patrizia. Giunta dinanzi all’imperatore fu invitata, senza successo, a rinnegare la fede cristiana. L’imperatore Diocleziano tentò diverse volte di convincerla a rinunciare al cristianesimo, anche per salvarle la vita, lasciandola  riflettere per alcuni giorni. Tutto fu inutile, l’imperatore vedendo la determinata fede della fanciulla, prima la fece torturare atrocemente, quindi la condannò a morte facendole trafiggere il petto da un tagliente pugnale.
Si ritiene che Santa Innocenza venne martirizzata il 16 settembre del 303 e fu sepolta, tra i tanti luoghi supposti, assieme a molti altri martiri riminesi nel cimitero di Lagomaggio. La santa è considerata assieme a san Gaudenzo e santa Colomba, patrona della città di Rimini.

 (da Storie e Racconti Locali di Marzio Cavallucci - 1991)

  

INTERNO DELLA CHIESA PARROCCHIALE DI
  "SANTA INNOCENZA"
DI MONTE TAURO DI CORIANO
CON  LE  URNE CONTENENTI I RESTI 
MORTALI DI
SANTA INNOCENZA

 

PREGHIERA A SANTA INNOCENZA

O Dio, che per mezzo della preghiera
e della gloriosa vita di Santa Innocenza,
hai chiamato i nostri padri
alla mirabile luce del Vangelo,
fa' che anche noi viviamo nell'impegno
per una nuova evangelizzazione
di questo terzo millennio cristiano e,
superando le insigne del maligno,
cresciamo nella grazia e nella conoscenza
del nostro Signore Gesù Cristo,
che vive e regna nei secoli dei secoli.
Amen
 

 
A MONTE TAURO DI CORIANO PRESSO LA LOCALE PARROCCHIA
SONO VISITABILI ALCUNE  TESTIMONIANZE 
SULLA VITA DI SANTA INNOCENZA
SI CONSIGLIA DI TELEFONARE AL  0541.656882
 
 
info@prolococoriano.it

Sede:
P.zza Mazzini, 10  47853 Coriano - Rn
Uff. I.A.T. Tel./Fax  0541/656255 - Mobile Cell. 331/9996458